Facebook Twitter Youtube Google Bookmarks

PARTNER TECNICI

 

 

Newsletter










 

La FIGMMA su delega di  FIJLKAM e FIWUK, Federazioni del CONI, gestisce gli sport

GRAPPLING, BRAZILIAN JIU JITSU e MMA

Il ritorno dello stupefacente Dun Dun (Articolo di Mario Brugnolini)

Il ritorno dello stupefacente Dun Dun

Forse vi ricorderete che l'affascinante Uomo Ragno, "the amazing Spiderman", nel primo numero dello storico giornaletto, giovane universitario laureato in Scienze Naturali nella sua identità segreta, esordisce da super-eroe proprio combattendo da "cage-fighter"....! L'attesa degli appassionati romani di Mixed Martial Arts per un altro "stupefacente" - e stavolta non fantastico ma reale - lottatore laureato è stata Sabato notte ampiamente soddisfatta con l'andare in scena dell'ottava rappresentazione dello Storm Fighting Championships nell'effervescente atmosfera della location "Spazio Roma", nei dintorni di Ponte Milvio.

Infatti il Campione del Mondo e d'Europa, Luca Brugnolini, da molti mesi assente nelle "card" dei circuiti di MMA nostrani, forse anche perchè troppo impegnato nel Dottorato di Ricerca in "Economics" recentemente vinto alla Banca d'Italia, si è reso protagonista di un'applauditissima e luminosa "rentree" nella mitica gabbia ottagonale. Il match era di quelli davvero allettanti perchè il suo antagonista, lo "striker" di Guidonia Paolo Angeletti, aveva alle spalle ben 23 incontri di K1 ed una decina di boxe in gran quantità vinti; ma in realtà l'emozione dei presenti, sebbene fosse alle stelle, è durata ben poco......! Dopo aver più volte ripetuto, durante la presentazione, il suo impressionante, altissimo, salto rituale, proprio da "aracnide", la velocità e i riflessi del Campione Azzurro hanno immediatamente prevalso al primo "fight!" arbitrale: in meno di un minuto e mezzo, "lo stupefacente Dun Dun", dopo aver ben presto proiettato a terra il suo avversario con uno spettacolare "double leg", lo ha quindi "ammorbidito" agendo dalla "mezza-guardia" con una serie di ginocchiate ai fianchi per poi finalizzarlo in un "amen", con un'"americana" da manuale fra gli scroscianti incitamenti del pubblico. Il match era anche valido come semifinale di un mini-torneo dei pesi "piuma", il cui atto definitivo si svolgerà nel decimo capitolo dello Storm, previsto in primavera, con Luca Brugnolini che illuminerà ancora l'evento.

Altro protagonista della serata, osannato dalla folla presente, è stato ancora una volta Giuliano Pennese, alla sua seconda apparizione vittoriosa nel circuito Storm e anch'egli, come Brugnolini, eroe Azzurro di Belgrado 2011 e portacolori della blasonata società romana Hung Mun. L'"Uomo dalla folta barba nera" ha confermato tutto il suo valore vincendo alla III ripresa per "rear naked choke" sul malcapitato inglese di stanza a Pordenone Jeffrey Mordan (Sport Advanced Center) - che non ha mai dato l'impressione di potersi aggiudicare la vittoria - e conquistando meritatamente la finale del mini-torneo dei pesi "leggeri".

Le altre due semifinali della suggestiva formula "4-Men Tournament", entrambe riguardanti la categoria 77 Kg., hanno promosso finalisti il giovane e promettente salernitano Davide Caruso (Aventador) e l'aquilano Emanuele Scimia (Fulmen Team) che presto si affronteranno per aggiudicarsi la Cintura dei pesi "welter": mentre il campano si è facilmente imposto alla I ripresa per K.O. tecnico sull'esordiente Domenco Fontanella, l'abruzzese, con alterne vicende al suo terzo Storm, ha, con impetuosa sicurezza, costretto alla resa durante il secondo round il quotato leccese sinora imbattuto, Jacopo Madaro, e mostrando anche notevole sensibilità nel volersi sincerare delle buone condizioni dell'avversario dopo la fine dell'incontro.

I cosiddetti "reserve-match" hanno visto la vittoria dell'esuberante barese Francesco Amendolagine che, in un match piuttosto cruento, si è imposto nettamente al I round su Luigi Di Tullio; del judoka romano Flavio Miodini che, con i suoi spettacolari "harai-goshi", ha vinto alla III ripresa per "decisione unanime" sul campano Salvatore D'Orta; e del salernitano Nicola Diana che, dopo aspro combattimento, ha avuto alfin ragione del casertano Salvatore Terralavoro, vincendo per K.O. tecnico e ottenendo la terza vittoria in giornata per le crescenti ambizioni della società campana Aventador. Infine fra i semi-pro da segnalare l'ennesima affermazione di Carlo Pedersoli Jr, (Hung Mun) nipote di "Bud Spencer", pronto ormai per il "salto di qualità" e lo spettacolare gancio sinistro con cui Davide Di Mella ha messo al tappeto il suo rivale.

Presentatore dell'evento è stato ancora una volta il titolato Marco Quatrale, che, ostentando simpaticamente un "look" ibrido tra il biblico Giosuè e Sigmund Freud, sembra ormai averci preso gusto a calcare il palcoscenico anche in questa veste. Insomma, ancora un'altra serata di sport vero, estremo ma leale e sincero; uno sport in cui l'avversario, ciononostante, non è un acerrimo nemico da abbattere insensibilmente, ma solo un momentaneo antagonista con cui correttamente confrontarsi per cercare di superare sempre i propri limiti. Ancora un'altra bella serata romana a cui i frequenti appuntamenti targati StormFC ci stanno abituando..., quasi viziando! Nonostante il Tevere in piena minacciasse di esondare lasciando ancora adesso tutti in apprensione, la manifestazione è stata un vero successo, registrando il "tutto esaurito". Il rischio di bagnarsi anche assai pesantemente valeva comunque la candela: ad un tempo ammirati ed esterrefatti, come fossimo in una dimensione fantastica, di sapore fiabesco e soprannaturale, abbiamo piacevolmente assistito al formidabile, appassionante ritorno de......"Lo stupefacente Dun Dun.....!

Mario Brugnolini

Calypso Immobiliare S.r.l.

Tel. 06/30365777 - 348/4413238

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L’agenzia del fighter

 

 

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information