Facebook Twitter Youtube Google Bookmarks

PARTNER TECNICI

 

 

Newsletter










 

La FIGMMA su delega di  FIJLKAM e FIWUK, Federazioni del CONI, gestisce gli sport

GRAPPLING, BRAZILIAN JIU JITSU e MMA

4° Campionato Italiano di MMA (Articolo di Max De Michelis)

4° Campionato Italiano di MMA (Articolo di Max De Michelis)

Domenica 21 aprile 2013 si è svolto ad Ostia il 4° Campionato Italiano di MMA. Ecco il resoconto incontro per incontro di tutta la serie A. 

SERIE A 62kg

1) COLAZINGARI Adriano Andrè

2) GONCALVES Serra Giovanni

Colazingari vs Goncalves. André con perfetto tempismo intercetta il calcio del suo avversario e lo solleva in aria con uno spettacolare single leg. Atterra in side e cerca la monta ma Giovanni è bravo a invertire la posizione ma nel farlo s’infila in un triangolo dal quale riesce però a uscire. Fase concitata di lotta che termina con Colazingari in On Kesa gatame, posizione dalla quale riesce a piazzare una precisa Americana in perfetto stile old japanese Judo. 

SERIE A 66kg

1) ZARBO Gionata

2) CHIAPPI Andrea Alberto

3) LESTINI Daniel 

Zarbo vs Chiappi. Zarbo cerca subito il clinch per colpire con le ginocchia ma è portato a terra da Chiappi. Zarbo riesce and invertire la posizione e terminare nella guardia del suo avversario che risponde colpo su colpo. In finale d’incontro Chiappi prova una ghigliottina. Vince Zarbo 6 a 2. 

SERIE A 71kg

1) BRUGNOLINI Luca

2) APOSTOLICO Gianluca

3) IACOVINO Danilo

3) TOGNI Roberto

Bonantini vs Iacovino. Il match s’interrompe quasi subito per intervento medico. Un preciso pugno al volto costringe Iacovino allo stop per fermare l'emorragia nasale. Si riprende con una bella serie di pugni al volto da parte di Iacovino. L'incontro deve essere interrotto di nuovo a causa dell'emorragia. Si riparte il match si fa nervoso scambio di ginocchiate in clinch a favore di Iacovino. Bonantini riesce a portare a terra il suo avversario ma questo non è sufficiente per rimontare. Vince ai punti Iacovino 19 a 9.

Togni vs Muzzo. Muzzo parte subito con precise combo di pugni e calci e si porta in vantaggio. Fase di clich, Muzzo chiude una ghigliottina ma finisce sotto. Togni è ora in monta, da dove inizia a colpire il suo avversario con i pugni ma è bravo Muzzo a toglierselo di dosso. Un match tutto sommato equilibrato. Vince Togni 14 a 10 che è stato un po’ più incisivo nel piazzare i suoi colpi rispetto al suo avversario.

Togni vs Apostolico. Apostolico inizia forte, cerca di imporsi aggressivamente sul suo avversario ma finisce sotto in un tentativo di proiezione. Riesce a ribaltare la situazione e a trovarsi nella guardia aperta del suo avversario. Da qui inizia il suo G&P. Togni prova il triangolo, ma Apostolico ne approfitta per passare e montarlo. E' in vantaggio Apostolico per 9 a 1. Su ribaltamento di Togni si ritrovano con le gambe intrecciate. Entrambi tentano una chiave al piede. Vince Apostolico. Togni è costretto a battere.

Apostolico vs Maloni. Apostolico parte con una bella serie di uno due. Il combattimento si fa serrato con i due avversari stretti in clinch. Apostolico finisce a terra sopra a Maloni, fase concitata di scramble, poi entrambi ritornano in piedi. Maloni riesce a portare Apostolico a terra con un un High Double, lo stacca in aria e lo slamma pesantemente al suolo dove prende la side ma da questa posizione non riesce a progredire. Tutto ricomincia in piedi. Maloni scivola a terra e chiama guardia, prova triangolo ma Apostolico esce dal tentativo di finalizzazione. Segue una fase di scambi di posizione e alla fine Apostolico si trova schiena a terra a lavorare dalla guardia. Apostolico riesce a controllare Maloni con la guardia a X da cui fa una precisa transizione in knee bar che Maloni non riesce a difendere.

Brugnoni vs Iacovino. Brugnolini avanza deciso verso il suo avversario che indietreggia ed esce dal tappeto perdendo il primo punto. L'incontro non entra nel vivo perché interrotto da una precisa e letale combinazione di jab e gancio sinistro al fegato che fanno piegare Iacovino costringendolo alla resa. Ricordiamo che Iacovino, che avrebbe dovuto combattere al prossimo evento SlamFC a Firenze, ha dovuto dare forfait per una frattura scomposta al naso procuratasi nell'incontro con Bonantini.

Brugnolini vs Apostolico. Apostolico cerca il clinch con l'intenzione di proiettare il suo avversario ma è bravo Brugnolini che riesce a contrattaccare con un uchi mata da manuale. Brugnolini finisce nella guardia di Apostolico poi, nell'ordine, passa la mezza e per terminare in side. Da qui mantiene un ottimo controllo e parte con un lavoro di demolizione ai fianchi con micidiali ginocchiate. Quest’azione è interrotta solo per cercare di chiudere l'incontro con americana e kimura ma è bravo Apostolico a difendere. Finisce ai punti a favore di Brugnolini per 6-1.

Maloni vs Togni. Scambio schermistico a base di low kick per Maloni e Togni. Maloni trova la proiezione e atterra in mezza guardia. Togni riesce a lavorare dalla mezza e infine esce da sotto e si riporta in piedi. Maloni è aggressivo ma rischia di finire chiuso in un bel triangolo. Vince Togni per 7-6. Incontro equilibrato in cui ha prevalso nella fase in piedi il gioco di Togni.

SERIE A 77kg

1) MAZZAVILLANI Lorenzo

2) CANGEMI Girolamo

Mazzavillani vs Cangemi. Mazzavillani parte in quarta caricando Cangemi in puro stile Sumo. I due si ritrovano al centro del tappeto, dove si lanciano sul volto furibondi hockey punch. Questo scambio s’interrompe con un double leg di Cangemi che finisce nella guardia del suo avversario dalla quale inizia il suo G&P. Mazzavillani cerca l'armlock che poi si trasforma in uno scissor choke con le gambe, una tecnica non risolutiva ma che mette in difficoltà Cangemi. Una volta liberatosi da questa presa del catch, Cangemi riprende il suo G&P, mentre Mazzavillani tenta, senza riuscirci, diversi armlock dai quali Girolamo esce guadagnando, in queste fasi di lotta, i punti che gli permetteranno di vincere per 8 a 1. 

SERIE A 84kg

1) ROMANO Enrico

2) VENTORUZZO Gianluigi

Romano vs Ventoruzzo. I due atleti iniziano l'incontro con uno scambio di middle kick, accorciano poi le distanze e passano a scambiarsi ginocchiate al tronco. Dal clich Romano si butta in una precisa tecnica di sacrificio judoistica un bel sumi gaeshi. Enrico atterra nella schiena di Venturozzo che tenta di difendersi dalla scarica di pugni chiudendosi in greca. Romano tenta una ghigliottina col braccio dentro ma la perde e con essa la posizione. Il combattimento riprende in piedi. Venturozzo cerca il clinch ma riceve una ginocchiata all’inguine. L'arbitro è costretto a interrompere il match. Una volta ripreso l'incontro, Romano si porta in vantaggio proiettando l'avversario a terra. Il gong interrompe il suo lavoro dalla guardia mentre cercava di passare la mezza di Venturozzo. Vince Romano per 5-4.

SERIE A 92kg

1) DI CHIRICO Alessio

2) CAPPELLI Pietro

3) PALADINO Fabrizio

3) RAFFI Lamberto 

Noal vs Raffi. Raffi cerca da subito il clinch ma rischia un colpo d’incontro avanzando con la guardia aperta. Il suo avversario non ne approfitta e Raffi riesce a catturare le gambe e proiettarlo con double leg. Raffi finisce nella mezza di Noal e poi guadagna la side. Noal riesce a liberarsi, ora è Raffi a lavorare dalla guardia. Da qui riesce a catturare la gamba dell'avversario e a finalizzarlo con un achilles lock.

Eolini vs Cappelli. Eolini è molto esplosivo e ribalta il suo avversario tre volte ma non consolida, poi incappa in un potente pugno al volto che costringe l'arbitro a richiedere l'intervento medico per emorragia nasale. Il combattimento riprende concitato con uno scambio reciproco di strike al volto e al corpo. Vince lo scambio Cappelli che riesce d’impeto a suon di colpi a portare a terra Eolini. L'arbitro interrompe l'azione per colpi illegali. Si riparte, Cappelli porta di nuovo il suo avversario a terra e riesce a montarlo. Da qui Eolini subisce il G&p e alla fine trova la forza di invertire la posizione ma il tempo è ormai scaduto. Vince Cappelli.

Paladino vs Cappelli. Cappelli piazza subito un preciso e potente front kick che spedisce al tappeto Paladino. Paladino si difende in greca e cerca di arginare i danni chiudendosi come può da una valanga di colpi alla testa. Cappelli trova il collo di Paladino, chiama guardia e chiude un'ottima ghigliottina indifendibile. Paladino si deve arrendere all'irruenza del suo avversario dopo poco più di mezzo minuto di lotta.

Di Chirico vs Cappelli. Di Chirico chiude la distanza e cattura la gamba di Cappelli. Riesce a proiettarlo al suolo e a guadagnare la side. Al limite dell'area di combattimento con una mezza souplesse da una posizione inginocchiata De Chirico riesce a riportare al centro della materassina Cappelli. Nella mezza dell'avversario Di Chirico colpisce e trova la via per passare in monta. Cappelli riesce a liberarsi da questa brutta posizione e a tornare in piedi. Di Chirico tenta un takedown e finisce nella mezza di Cappelli con il suo braccio chiuso in una kimura. Riesce a liberarsi dalla presa e riguadagna la monta. Vince per 10 -1. 

SERIE A 100kg

1) NENCIONI Igor

2) D’ISIDORO Tony

Nencioni vs D'Isidoro. Nencioni cerca subito il clinch, trova la proiezione al secondo tentativo portando a terra D'Isidoro con un double leg. Nella guardia dell'avversario Igor lavora di G&P ma la lotta si fa statica. Ad un certo punto stop arbitrale e intervento medico. Tony da forfait per infortunio. Vince Nencioni.

 

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information